fbpx

CCNL Metalmeccanici 2021: le misure di welfare aziendale diventano strutturali

CCNL Metalmeccanici 2021: le misure di welfare aziendale diventano strutturali

CCNL Metalmeccanico 2021 - Welfare on Demand
CCNL Metalmeccanico 2021 - Welfare on Demand

Confermata la quota prevista per i flexible benefit per il CCNL metalmeccanica 2021 che sarà valido fino al 30 giugno 2024. Ecco le principali novità per il welfare dei metalmeccanici.

Per i lavoratori dell'industria metalmeccanica, il 5 febbraio 2021, è stato sottoscritto il rinnovo del contratto collettivo di lavoro da Federmeccanica, Assistal con Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil

Il rinnovo CCNL metalmeccanici è dunque stato approvato e il nuovo CCNL, secondo l’ipotesi di accordo, sarà applicato per il periodo che va dal 5 febbraio 2021 al 30 giugno 2024.

Novità importanti sono state inserite riguardo il Welfare Aziendale  e i flexible benefit per il CCNL metalmeccanica 2021.

Sono stati confermati i flexible benefit nel nuovo accordo per i lavoratori del settore metalmeccanico

Con il rinnovo del CCNL per l'industria Metalmeccanica, sono stati confermati strumenti di Welfare aziendale per 200 € annui, la cui erogazione è obbligatoria.Le aziende che applicano il CCNL per l’industria metalmeccanica dovranno, dunque, a partire dal mese di giugno di ogni anno, fino al mese di maggio dell'anno successivo, da qui al 2024, mettere a disposizione dei lavoratori strumenti di welfare aziendale.

Con il rinnovo il welfare aziendale obbligatorio per i metalmeccanici diventa strutturale.

Le categorie di lavoratori che hanno diritto a strumenti di Welfare aziendale come prevede il CCNL metalmeccanica sono:

  • Il dipendente con un contratto a tempo indeterminato, incluso l’apprendistato
  • Il dipendente che abbia un contratto a tempo determinato, purché abbia maturato almeno 3 mesi, anche non consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio-31 dicembre).
  • La quota di flexible benefit prevista non dipende dal livello di inquadramento del lavoratore
L’accordo di rinnovo firmato per i metalmeccanici mette in evidenza come il welfare aziendale sia sempre più un elemento essenziale nelle prestazioni del rapporto di lavoro.
Il rinnovo del CCNL Metalmeccanica Industria prevede, inoltre, l’aumento salariale dei minimi contrattuali da 100 a 112 euro

Accordo Unionmeccanica-Confapi: 200 euro per i flexible benefit

Il 26 maggio 2021 è stata siglata l'ipotesi di accordo del CCNL Unionmeccanica-Confapi per il trienno 2021-2024.

Per quanto rigurda le novità in tema di welfare aziendale, è stata innalzata la quota prevista per i flexible benefit che passerà da 150 euro a 200 euro. A partire dal settembre 2022 e fino al 2024, i dipendenti avranno la possibilità di usufruire dei servizi di welfare messi dall’azienda fino al 31 dicembre di ogni anno.

Con la presentazione degli interventi contenuti in questo articolo, desideriamo ribadire con forza quanto l’inserimento strutturale di misure di welfare nella contrattazione collettiva sia un modo ottimale per fare comprendere alle aziende che investire sul benessere dei propri dipendenti ha impatti certi sulla loro produttività e un miglioramento del clima aziendale.

CTA Consulenza gratuita Welfare on Demand